Divieto di sosta

Vi sono situazioni specifiche nelle quali possiamo fermarci per un attimo con il nostro veicolo ma non in maniera prolungata nel tempo. Il divieto di sosta vale:

  • Con il segnale divieto di sosta
  • Con il segnale divieto di fermata e di sosta
  • Allo sbocco dei passi carrabili
  • Davanti ai cassonetti dei rifiuti
  • In corrispondenza dei distributori di carburante e 5 metri prima e dopo, solamente durante l’orario di esercizio
  • In seconda fila, eccetto per i veicoli a 2 ruote
  • Ovunque venga impedito l’accesso e il movimento ad un altro veicolo in sosta
  • Alle fermate dei mezzi pubblici; se lo spazio di fermata non è disegnato a terra la sosta è vietata 15 metri prima e dopo il cartello che indica la fermata stessa
  • Negli spazi riservati ai taxi
  • Nei parcheggi per gli invalidi e nei raccordi e scivoli dei marciapiedi
  • Nelle aree riservate al mercato e al carico e scarico merci, limitatamente alle ore prestabilite
  • Negli spazi riservati ad attrezzature o impianti destinati a servizi di emergenza appositamente indicati dalla segnaletica
  • Nelle banchine, salvo apposito segnale che la consente
  • Nelle aree pedonali e zone a traffico limitato per i veicoli non autorizzati
  • Rimorchi staccati dalla motrice nei centri abitati
  • Nelle corsie riservate ai mezzi pubblici

Divieto di sosta

Segnale divieto di sosta: dal cartello fino al prossimo incrocio o al successivo pannello integrativo che ne indica la fine (freccia verso il basso) non è possibile sostare. E’ invece concessa la fermata in quanto si tratta di un’esigenza momentanea (brevissima durata) in cui a bordo c’è il conducente che può riprendere la marcia in qualsiasi momento. La rimozione del veicolo è permessa solamente se, sotto al cartello, è presente il corrispondente pannello integrativo.

Divieto di sosta rimozione
Divieto di sosta: rimozione forzata

Ti ricordiamo inoltre che, nei centri abitati e salvo diversa segnalazione, il cartello di divieto di sosta vale dalle 8 alle 20.

Sosta di emergenza

Sottolineiamo il seguente aspetto: in tutti questi casi vige il divieto di sosta, da non confondere con la sosta di emergenza. Quest’ultima si verifica quando siamo costretti a fermarci a causa di malessere del conducente o dei passeggeri oppure per avaria del veicolo ed è sempre concessa.

La raccomandazione principale è, a seconda del caso concreto, di creare meno pericolo o intralcio possibile e di adottare tutte le precauzioni necessarie per segnalare il nostro ingombro (per esempio le quattro frecce e/o il triangolo). Se siamo in autostrada, facciamo tutto il necessario per portarci in corsia di emergenza o, meglio ancora, nella piazzola di sosta.

Come effettuare la sosta

La sosta nei centri abitati va effettuata il più vicino possibile al margine destro della carreggiata (anche a sinistra nei sensi unici lasciando 3 metri per il passaggio degli altri veicoli), parallelamente ad essa e secondo il senso di marcia. Se non è presente il marciapiede si deve lasciare almeno 1 metro di spazio per consentire il passaggio dei pedoni.

Fuori dai centri abitati va effettuata esternamente alla carreggiata (non sulle banchine o piste ciclabili) e, solo se non c’è tale possibilità, può avvenire internamente con le stesse modalità descritte prima (eccetto nelle strade a precedenza, cioè quelle in cui c’è il cartello a forma di rombo con sfondo giallo e perimetro bianco). L’unica differenza è che non si può sostare a sinistra nelle strade a senso unico.

Continua la lettura con i casi di divieto di fermata e di sosta.

4 Commenti

  1. Ho preso una multa per divieto di sosta ,l’auto era parcheggiata prima del segnale di divieto e indicava se fuori dagli spazi non ero sul marciapiedi non era davanti a passo carraio non intralciavo gli altri veicoli cosa devo fare?posso chiedere una perizia da personale tecnico qualificato?io ho fatto alcune foto. Ppsso chiedere archiviazione del verbale?urge risposta entro sabato grazie.Giovanni Catalano MASERÀ di padova

  2. Il cartello di parcheggio con la P integrato con pannello indicante un’automobile significa che possono parcheggiare auto. Un autocarro con cabina incorporata tipo Transit con massa totale fino a 3500 Kg può lo stesso parcheggiare? Grazie

    • Buongiorno, quel pannello integrativo sotto al segnale PARCHEGGIO indica che possono parcheggiare solo le autovetture, cioè “veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo nove posti, compreso quello del conducente”.
      Quindi tecnicamente un autocarro non può parcheggiare

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.